Le origini della posa su sabbia

La posa su sabbia dei parquet non è una novità odierna, poiché la sua applicazione era già praticata nei primi anni ‘20. Infatti, in molte abitazioni d’epoca si trovano ancora oggi parquet posati con questo metodo. Erano chiamati “sovrapponibili”, perché posati su pavimenti preesistenti come il cotto e le piastrelle in cemento deteriorate. La posa su sabbia consisteva nello stendere un sottile velo di sabbia per creare un “piano”.A questa era sovrapposto un foglio di carta normale, dopodiché si sistemavano, uno di fianco all’altro, i listelli di legno uniti da linguette in metallo inserite nelle apposite fessure. Il metallo prescelto era il ferro, materiale idoneo ad assorbire l’umidità del legno cosi da comprimersi ed evitare il formarsi di fessurazioni nel parquet. Questa particolare posa non causava nessun problema al parquet, considerando che in quel periodo il riscaldamento interno era prodotto da stufe o caminetti, i quali mantenevano sempre una buona percentuale d’umidità tollerabile dal legno.

frame_video-min

Materiali impiegati:

– Non sono utilizzate colle nella posa in opera.
– Ridotto costo energetico di produzione.
– Esenti da emissioni nocive.
– Alta riciclabilità.
– Garanzia di traspirazione.

La Tecnica di Posa:

– Notevoli qualità termo-acustiche.
– Morbidezza al camminamento e carichi ridotti.
– Assoluta garanzia di stabilità nel tempo.
– Riduzione nei tempi di installazione.
– Costi contenuti rispetto ai sistemi tradizionali.

Ispezionabile nel tempo:

– Rimozione e recupero del parquet.
– Individuazione del tubo forato in caso di perdita.
– Rimessa in opera del sottofondo a secco.
– Inchiodatura del parquet.
– Levigatura e trattamento ad olio.

Sistemi di posa a secco

La ditta Tolin mette a disposizione del proprio cliente una tecnica di posa del parquet specifica per il cantiere in cui si va ad operare. A seconda se si tratta di nuova costruzione o ristrutturazione la Tolin è in grado di consigliare la posa ottimale per il parquet scelto. In generale le tecniche si possono suddividere in due gruppi:
tecniche specifiche per sistemi di riscaldamento tradizionale oppure tecniche per tipologia di riscaldamento a pavimento.

Stabilito il sistema di riscaldamento per la propria abitazione, Tolin propone una tecnica di posa a secco su sottofondi tradizionali in cemento oppure una tecnica denominata “tutta a secco” con la quale si suggerisce al cliente di realizzare una posa del parquet completamente a secco senza l’impiego di cemento o derivati.

posa_sabbia_01

Posa su sabbia

con riscaldamento tradizionale

posa_secco

Tutto a secco

con riscaldamento a pavimento

posa_sabbia_02

Posa su sabbia

con riscaldamento a pavimento